Il ritiro Sociale

Hikikomori è il termine coniato in Giappone per definire un fenomeno emerso negli anni Settanta in quel paese prima che in altri e significa “stare in disparte, isolarsi”. Un sondaggio del 2016 del governo giapponese riporta un numero di hikikomori pari a 541.000 persone, di età tra i 15 e i 39 anni, ma il dato sembra largamente sottostimato. In Italia per indicare il medesimo fenomeno è più in uso il termine “ritiro sociale”: una forma di isolamento sociale diventata patologica che nel nostro paese coinvolge circa 120.000 adolescenti.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su print

Il ritiro Sociale

Mauro Pasqua

Un fenomeno in crescita

Photo by Soragrit Wongsa on Unsplash

Definizione e alcuni dati

 

Hikikomori è il termine coniato in Giappone per definire un fenomeno emerso negli anni settanta in quel paese prima che in altri e significa “stare in disparte, isolarsi”. Un sondaggio del 2016 del governo giapponese riporta un numero di hikikomori pari a 541.000 persone, di età tra i 15 e i 39 anni, ma il dato sembra largamente sottostimato. In Italia per indicare il medesimo fenomeno è più in uso il termine “ritiro sociale”: una forma di isolamento sociale diventata patologica che nel nostro paese coinvolge circa 120.000 adolescenti che trascorrono su internet oltre 12 ore al giorno, mostrando sintomi importanti quali:

  • alti livelli d’ansia,
  • la perdita della concezione del tempo e un importante cambiamento dei ritmi circadiani,
  • il tentativo di annientare sé stessi con una reclusione sociale sempre maggiore,
  • la consapevolezza di dover abbandonare il proprio isolamento senza riuscirvi.

A ciò si accompagna l’allarme per ore di sonno perse, difficoltà nello studio con crescente distrazione nell’apprendimento, disattenzione generica nella vita di tutti i giorni e problemi della vista. Questi i principali risultati emersi dalle ricerche della Società Italiana di Pediatria (SIP), presentati a Bologna nell’ambito del congresso nazionale 2019, riguardanti i preadolescenti e gli adolescenti nella fascia d’età tra gli 11 e i 17 anni.

Si sostiene che il fenomeno in Italia sia in crescita per la presenza di alcune condizioni simili a quelle riscontrabili in Giappone: eccessiva protezione della famiglia, narcisismo, relazione madre-figlio molto stretta e stato di incertezza delle condizioni sociali che disorientano chi è emotivamente più esposto.

L’inizio del ritiro sociale ha il suo esordio tra l’ultimo anno delle scuole medie e i primi due anni delle superiori e tendenzialmente riguarda maggiormente il genere maschile, anche se il numero delle ragazze è in continua crescita. Sono ragazzi con un passato scolastico brillante, intelligenti, con tendenza all’introversione, che impattano malamente con gli sviluppi della crescita corporea adolescenziale e con i compiti evolutivi dell’età, perdendo i punti di riferimento che li hanno sempre sostenuti. La percezione della propria inadeguatezza, lo sperimentarne la vergogna per la propria bruttezza non solo fisica, ma totale, il terrore per l’insuccesso sociale e per la non popolarità presso i coetanei portano a pensare che l’unica via di uscita sia il suicidio sociale, che inizia con la morte del sé-studente, nella speranza che ci si dimentichi presto di lui (cfr. Pietropolli Charmet G., La paura di essere brutti, ed Cortina, 2013).

Dal punto di vista psichiatrico, c’è stato un ampio dibattito sulla dipendenza da videogiochi. La video gaming addiction, è diventata una realtà anche in Italia: secondo la ricerca Espad 2018, sono 270.000 i ragazzi che nei confronti di internet hanno un comportamento «a rischio dipendenza». Il manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali, il DSM-5, non ha classificato questo comportamento come nuova forma di dipendenza, ma l’ha collocato fra le aree che meritano attenzione. L’Organizzazione Mondiale della Sanità, l’OMS, invece, ha inserito la dipendenza da gioco digitale, Gaming Disorder, nell’International classification of diseases (ICD11), spiegando che si tratta di un modello di comportamento di gioco persistente o ricorrente (gioco digitale o videogame), che può essere online su Internet o offline e che prende il sopravvento sugli altri interessi della vita. Oltre a ciò, il fenomeno è caratterizzato da perdita di controllo sul gioco per quanto riguarda la frequenza, l’intensità, la durata e di conseguenza la capacità dell’individuo di interromperlo evitandone l’escalation.  Per la prima volta una parte della comunità scientifica ha classificato questa come una forma di dipendenza patologica.

Anche l’utilizzo compulsivo dello smartphone configura il rischio di una dipendenza, spesso poco riconoscibile per la difficoltà a distinguerla dalla semplice abitudine. Attualmente pochi Paesi classificano la dipendenza da internet e quella da smartphone come vere patologie. I tratti riconoscibili individuati finora indicano ansia e irritabilità dopo un periodo di astinenza, tentativi falliti di spegnere il telefonino e compromissione delle relazioni sociali. La dipendenza è associata a sbalzi d’umore, isolamento, perdita del controllo, ansia, astenia e depressione. Internet spesso rappresenta un rifugio soprattutto per i soggetti più timidi e con difficoltà a instaurare relazioni: evidenze scientifiche hanno confermato che la dipendenza dagli smartphone può essere causata soprattutto da noia e solitudine.

Comportamento a rischio dei ragazzi di oggi

 

L’industria dei videogiochi riscuote successo ed è uno dei settori più in crescita in termini di fatturato e occupazione. L’industria dei videogame, negli Stati Uniti, oggi realizza un fatturato oltre ogni aspettativa, maggiore di quello del cinema e della musica. Ma perché i ragazzi non si limitano all’uso, ma piuttosto ne abusano?

Tutti i ragazzi sono attratti dalle nuove tecnologie, ma alcuni di loro, di fronte alle difficoltà evolutive della crescita, proprio nel periodo in cui dovrebbero nascere socialmente, si “ritirano”, prima dalla scuola e poi dalla società, magari dopo un episodio di bullismo o di cyber-bullismo, o in seguito ad una frase di qualche coetaneo difficile da accettare; si chiudono in casa, perché si percepiscono come brutti, non presentabili. L’episodio precipitante determina il crollo dell’ideale che questi ragazzi si erano posti. È un fenomeno che interessa soprattutto i maschi, che usano la sparizione per risolvere i loro problemi: è come se si suicidassero socialmente, sviluppando quasi una fobia verso la scuola e i rapporti con i compagni. Alcuni di loro a quel punto instaurano una relazione intensissima con Internet e i suoi giochi. Le ragazze, diversamente, procedono con un attacco al corpo più diretto, nelle diverse forme dell’autolesionismo.

Altra forma che ha a che fare con l’uso della tecnologia da parte dei ragazzi è l’assunzione di comportamenti a rischio in adolescenza: è un fenomeno adolescenziale che esiste dalla notte dei tempi, la percezione è però che questi comportamenti siano in aumento perché di recente ci sono stati alcuni eventi clamorosi e ravvicinati.

In adolescenza da sempre c’è la propensione a guardare in faccia la morte, ma non si tratta di senso di onnipotenza o di stupidità. Finita la vera epoca dell’onnipotenza, che è l’infanzia, l’adolescente entra in contatto con le verità anche depressive della vita: il suo corpo è mortale. Una volta c’erano le corse folli in motorino, i film dell’orrore, per quel brivido che dà costringersi a fare cose paurose. Questa ricerca della paura è un tentativo, anche inconsapevole, di avere un controllo attivo sulla morte.

Anche per i ragazzi di oggi il confronto con la morte esiste, ma per chi ha grosse difficoltà evolutive si fa strada la tentazione di gesti forti, di grandi azioni, dal selfie estremo, al blackout, alla balena blu. Sono ragazzi più vulnerabili di altri che si sentono bloccati, privi di prospettive future e alla ricerca disperata di popolarità.

La necessità di mettersi alla prova è una delle motivazioni scatenanti per comportamenti rischiosi, come quelli dei due ragazzi che hanno perso la vita nel settembre 2018 a Milano, uno precipitato da un tetto mentre si faceva un selfie, l’altro morto per soffocamento mentre eseguiva un tentativo di “black-out”.   Ciò che accomuna i due eventi è il fatto che le sfide cui i ragazzi si sottoponevano avevano come teatro i social network.

La ricerca di popolarità e di successo da parte di questi ragazzi si inquadra in una società nella quale anche gli adulti ripongono sempre più importanza nell’esserci, nell’apparire, nel farsi selfie e avere riscontri positivi. Il problema degli adolescenti non è la trasgressione, non fanno ciò che fanno per disubbidire, ma per tollerare quote di delusione e per combattere la noia. Sono la generazione dei figli unici, con l’imperativo di avere tanti amici, di essere popolari fin dalla più tenera età. I bambini vengono socializzati sempre prima, gli si vieta la solitudine, e quando diventano adolescenti non si sentono mai abbastanza adeguati e conformi all’ideale che sentono di dover realizzare (Lancini M., Il ritiro sociale negli adolescenti, ed. Cortina, 2019).

La Città di Smeraldo è un’organizzazione non lucrativa di utilità sociale.

Indirizzo: via Petrarca, 1 angolo via Piave, 21047 Saronno (VA)

Posta certificata: posta@pec.lacittadismeraldo.it

Codice fiscale: 94029730127

Sostienici attraverso 5 per MILLE, donazioni, diventando socio, oppure con le nostre cartoline di Natale.

Due fiocchi di neve uguali

Il desiderio di raccontare una storia, a cui il mondo sembra non prestare ancora la dovuta attenzione, si è realizzato nel libro di Laura Calosso: “Due fiocchi di neve uguali”, edito da SEM, gennaio 2019. I due protagonisti sono quelli che, comunemente, potrebbero essere definiti dei bravi ragazzi: Margherita e Carlo. Come tutti gli adolescenti hanno un loro mondo che spesso non trova riscontro in quello reale.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su print

Due fiocchi di neve uguali

Donatella Costa

Recensione del romanzo di Laura Calosso.

Il desiderio di raccontare una storia, a cui il mondo sembra non prestare ancora la dovuta attenzione, si è realizzato nel libro di Laura Calosso: Due fiocchi di neve uguali, edito da SEM, gennaio 2019. I due protagonisti sono quelli che, comunemente, potrebbero essere definiti dei bravi ragazzi: Margherita e Carlo. Come tutti gli adolescenti hanno un loro mondo che spesso non trova riscontro in quello reale.

Margherita si appresta a sostenere l’esame di ammissione alla facoltà di medicina, dopo aver brillantemente superato l’esame di maturità. Le non rosee condizioni economiche della famiglia potrebbero tuttavia essere di ostacolo alla realizzazione del suo sogno. Riesce a concedersi una piccola pausa di vacanza andando a trovare una amica al mare. Il suo viaggio avrà un epilogo inatteso.
Carlo e Margherita si conoscono sin da piccoli, da tempo Carlo non frequenta la scuola. E’ un hikikomori. Ha scelto di relazionarsi col mondo a modo suo, senza contatto diretto, il suo interlocutore è lo schermo del computer e il mondo che vi è oltre. Laura Calosso tratteggia i personaggi della sua storia dando al lettore un senso di partecipazione emotiva al vissuto dei due giovani. Il viaggio di Margherita verso il mare ne è esempio.  

Le vite di Carlo e Margherita apparentemente scorrono in parallelo. Ciò che ancora li accomuna è il desiderio di essere ascoltati ed accolti per ciò che sono: degli adolescenti, individui in cammino. I due protagonisti sono circondati da adulti autoriferiti incapaci di dedicare il tempo necessario a chi questo mondo lo deve ancora conoscere.
L’autrice porta l’attenzione del lettore su quelle che possono essere le cause del disagio dei protagonisti. Una società dedita al raggiungimento del successo, di una condizione economica agiata, in cui chi non ha le possibilità è tagliato fuori; o ancora chi si sente fragile o semplicemente insicuro non trova il suo spazio perché prevaricato o ignorato.
La scelta di Carlo è forte, chiudersi in casa perché ciò che c’è fuori non gli permette di esprimersi, di essere quello che è. Tutti i personaggi del romanzo, oltre i protagonisti, mostrano fragilità, ma soprattutto combattono la loro solitudine interiore che li porta ad esprimersi in maniere differenti, chi si comporta in modo scellerato, chi passa inosservato e chi infine decide di sparire. 

Il fenomeno degli Hikikomori, diffusosi in Giappone, oggi è una realtà anche in occidente. E’ più che mai necessario cambiare rotta educativa. I nostri ragazzi chiedono attenzioni, sostegno ed impegno. È necessario che L’interesse per l’immagine sociale lasci il posto alla formazione della persona. La nostra società è esigente dal punto di vista della richiesta d prestazioni, ma poco attenta ai bisogni individuali. Gli hikikomori sono sfiduciati, non credono più nei rapporti sociali
La strada è quella di recuperare e dare valore al singolo individuo, riconoscere il suo dolore, non sminuirlo; né banalizzarlo. L’azione richiesta deve essere sinergica affinché si individui quale o quali siano le cause dell’isolamento.
Siamo oggi tutti chiamati a rivedere i nostri ruoli educativi, familiari e sociali affinché i giovani si sentano accolti e compresi. Il giudizio dell’adulto, inteso come premio o castigo, deve necessariamente lasciare il posto ad un atteggiamento equilibrato dove non mancano annotazioni e rimproveri, ma in cui la sicurezza di un interlocutore consapevole e motivato sia un riferimento certo.

La Città di Smeraldo è un’organizzazione non lucrativa di utilità sociale.

Indirizzo: via Petrarca, 1 angolo via Piave, 21047 Saronno (VA)

Posta certificata: posta@pec.lacittadismeraldo.it

Codice fiscale: 94029730127

Sostienici attraverso 5 per MILLE, donazioni, diventando socio, oppure con le nostre cartoline di Natale.

Mai abbastanza popolari e belli

L’adolescenza è sempre stata un’età della vita in cui la spinta alla crescita è promossa in modo spontaneo e generata da processi che naturalmente si mettono in atto. Questa spinta trova poi nel contesto sociale e culturale in cui si cresce elementi favorevoli allo sviluppo o, in altri momenti e per altri aspetti, condizioni che non implementano o addirittura impediscono i passaggi obbligati di una crescita che apra all’età giovanile e adulta.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su print

Mai abbastanza popolari e belli

Mauro Pasqua

Gli adolescenti oggi e l'ascolto del loro disagio.

Image by Anemone123 from Pixabay

L’adolescenza è sempre stata un’età della vita in cui la spinta alla crescita è promossa in modo spontaneo e generata da processi che naturalmente si mettono in atto. Questa spinta trova poi nel contesto sociale e culturale in cui si cresce elementi favorevoli allo sviluppo o, in altri momenti e per altri aspetti, condizioni che non implementano o addirittura impediscono i passaggi obbligati di una crescita che apra all’età giovanile e adulta.

Complessivamente la gran parte degli adolescenti raggiunge e gode, come è sempre stato, di un buono stato di benessere che permette loro di avere risorse sufficienti per superare momenti di difficoltà e di fare della propria vita un’esperienza positiva nel modo della scuola, in famiglia, nelle relazioni con i coetanei.
La nostra attenzione qui si concentra però su quella  percentuale di adolescenti che incappano in difficoltà e blocchi di crescita. Esistono adolescenti che provano dolore per se stessi, generato da una rappresentazione di sé che fa sentire non adeguati. Un malessere tenuto segreto ma che, col passar del tempo, si cronicizza e si manifesta in forme che divengono patologiche.  

Le nuove forme di sofferenza sono connesse al cambiamento del contesto sociale che ha visto il passaggio da una società definita edipica, fondata sulla colpa, su modelli educativi che comprendevano punizioni e ruoli ben definiti di autorità e di potere, ad una cultura del narcisismo, in cui il riferimento è solo a sé, ad ideali di bellezza e successo, in cui il corpo è esposto ed esibito. Tutto ciò si riflette in modo significativo sull’adolescenza, non solo per gli aspetti educativi, ma soprattutto perché in quest’età uno dei compiti evolutivi è la mentalizzazione del corpo, lo sforzo di intuire ed accettare le trasformazioni e i cambiamenti fisici impellenti che si presentano e vanno pensati come definitivamente propri.

Per quei ragazzi che iniziano a pensarsi come non degni di attenzione, con un corpo sentito come impresentabile, senza fascino e carisma, si apre un tempo dominato da quell’emozione segreta, che pervade tutti i momenti di incontro con l’altro, che è la vergogna, e il dolore che ne consegue, per un corpo sentito come offensivo. Stretto correlato di ciò è la difficoltà a pensarsi capaci di affrontare la competizione con i coetanei per la propria virilità o femminilità, con la messa in gioco di strategie seduttive e di collaudi della propria corporeità sessuata. I timori e le angosce per non sentirsi abbastanza riconosciuti spingono a sottrarsi alla vergogna e al dolore con forme che cercano di manipolare il corpo o addirittura di farlo sparire.

È impellente per i ragazzi che vivono tali situazioni trovare soluzioni al dolore, mitigarlo in qualche modo per sentire che si sta meglio. Ciò è tipico delle ragazze che smagriscono il proprio corpo fino a limiti insostenibili, o di chi lo manipola o lo tagliuzza per spegnere il dolore mentale attraverso una rapida e immediata dose di dolore fisico, o, ancora, di chi medita su soluzioni definitive, che tolgano di mezzo il corpo per continuare ad esistere solo nella memoria degli altri: una soluzione vendicativa per chi ha fatto loro del  male o di eterno affetto per chi gli ha voluto bene.

Una nuova soluzione negli ultimi anni viene scelta da schiere sempre più numerose di adolescenti e ha trovato efficaci strumenti nelle nuove tecnologie. È la soluzione di quei ragazzi che spariscono progressivamente prima dalla scuola, con giornate perse per malesseri fisici, e poi via via per impossibilità a riprendere le tappe previste dal percorso didattico. Sono quegli adolescenti, prevalentemente maschi, che per star bene decidono di ritirarsi da tutto: scuola, amici e perfino dalla famiglia. Sono gli adolescenti, ma a volte anche giovani adulti, che sono stati definiti “hikikomori” dai media, una parola giapponese, luogo di origine di questo fenomeno, che significa nascondersi, ritirarsi. Nei termini più propri della psicologia attuale il temine usato è ritirati sociali, per la loro modalità di sottrarre il corpo alle relazioni concrete della vita, limitandosi a contati e relazioni virtuali. In questo modo trascorrono i loro giorni e soprattutto le loro notti, momento in cui, liberi dalla presenza anche dei famigliari, entrano in contatto tramite web con altri che vivono nelle più disparate parti del mondo.

La valutazione attenta di questo fenomeno ci suggerisce che la rete sia una difesa, un sostituto, una protezione per il ritirato sociale: è un modo per continuare a sentirsi qualcuno per qualcun altro, che non ti disprezza, di fronte al quale puoi sentirti sicuro perché si rimane dietro uno schermo dove il corpo non si vede e anche la vergogna quindi sparisce. Internet è il luogo dove questi ragazzi si sentono importanti, un luogo di potere, con le sue promesse di conquista di denaro facile o di fama. Lì si trovano spettatori, lì c’è riconoscimento e trionfo nei giochi di ruolo o nelle battaglie degli ‘sparatutto’, dove si ritrova finalmente la prova virtuale della propria virilità o, in scambi fotografici e lunghe confidenze, la conferma della propria seduttività femminile.

Chi ritiene di aver un corpo inaccettabile, da buttare, in questo modo trova uno spazio relazionale che protegge dall’ideazione suicidale o dal crollo psichico. Le nuove tecnologie non sono quindi una realtà che va demonizzata perché sequestra i ragazzi; non sono la causa del ritiro ma la conseguenza. Causa effettiva è essere traumatizzati dal potere della bellezza e del successo dei coetanei, è la paura di essere impresentabili indipendentemente dalle proprie qualità e da quello che si sa fare.

Un nuovo dispositivo: “La Città di Smeraldo”

Trovandosi a ragionare su questi aspetti e problematiche degli adolescenti di oggi, che vivono forme di disagio nuove e non facilmente comprensibili per le loro famiglie, è nata l’idea di offrire un luogo dove potersi incontrare per intercettare il loro dolore e rimettere in moto il loro percorso di crescita. Nasce così “La città di Smeraldo”, una associazione nuova sul territorio, voluta e sostenuta dai Lions club Host di Saronno con il patrocinio dell’Amministrazione comunale di Saronno. L’idea è di costituire un dispositivo, dove i ragazzi, con i loro genitori possano incontrare un gruppo di psicologi e psicoterapeuti, che si occupano di problemi legati alla crescita e all’adolescenza, coadiuvati da figure educative che intervengano poi con i ragazzi favorendo attività creative e di socializzazione.

Costituire un dispositivo, quale un consultorio per adolescenti e le loro famiglie, significa innanzi tutto porre l’attenzione e sensibilizzare su un problema che altrimenti non troverebbe sufficiente visibilità. Oltre a ciò, significa creare un luogo concreto dove poter trovare un aiuto, un posto dove tutti possano rivolgersi per affrontare in modo il più possibile efficace un problema. Sapere che esiste la possibilità di chiedere aiuto fa sentire meno soli.

È fondamentale, quando si tratta di adolescenti, la presa incarico di tutto il contesto famigliare, non solo del figlio quindi ma anche del padre e della madre, che ben conoscono il soggetto e che stanno lavorando per la sua crescita. Nella “stanza delle parole”, con l’aiuto di professionisti dell’adolescenza, anche il padre e la madre porteranno le loro angosce e il loro dolore che deve trovare il modo di tramutarsi in risorse per il figlio. Capire cosa pensano i genitori di quello che sta accadendo e quanto incide nel malessere del figlio, sarà momento essenziale quanto comprendere cosa pensa quel figlio di quel padre e di quella madre, per poter dare un senso a fantasie e angosce reciproche. Sarà essenziale aiutare i genitori ad evitare agiti inutili se non dannosi, quali sabotare gli strumenti tecnologici: non serve e si corre il rischio di riportare alle difficoltà iniziali. Altra soluzione è invece riformulare il rapporto che loro stessi come genitori hanno con la rete; generalmente sanno che il figlio passa la notte su internet ma non sanno cosa fa, chi incontra, quale è la sua identità su internet, quale è il suo avatar, se ascolta musica o guarda un film, se ha un profilo social, quali giochi lo appassionano. Stare con il figlio all’interno della rete è più importante di limitarsi a dettare regole e orari. Coinvolgere i genitori è utile per favorire una ripresa del loro ruolo affettivo come madre e padre, per un modo diverso e nuovo di leggere le situazioni, di sentire e di essere.

La stanza delle parole sarà poi il luogo dove i ragazzi, delusi e arrabbiati con sé, porteranno le loro narrazioni. Il cambiamento passa attraverso la narrazione di se stessi e questo diviene un’esperienza soggettiva, in tempo reale, con qualcuno di concreto. Per riuscire a pensare i propri pensieri, sentire e vivere le emozioni, bisogna prima iniziare a narrarle, a raccontarsi. Lì si generano discorsi che costituiranno un punto di riferimento nelle relazioni successive e quotidiane. La prospettiva evolutiva che fa da riferimento, permette di individuare e condividere le tappe di una crescita interrotta, che è stata abbandonata da tempo, da anni, insieme alla scuola e al gruppo degli amici. Obiettivo non è però riscrivere il passato ma organizzare il futuro e aprire il presente a nuove vie di uscita.

I ragazzi devono trovare un luogo in cui elaborare il lutto per il Sé ferito, che considera il proprio corpo non come utile e fatto per il piacere, ma come inaccettabile e da maltrattare. Si deve recuperare un pensiero sul proprio corpo come complementare a sé, ai propri sogni e desideri. Trovare il coraggio per riprendere i legami con gli altri, che non saranno più i vecchi compagni di scuola, ma un gruppo che permette di realizzare se stessi ed essere riconosciuti con le proprie qualità. Sentire che la propria fatica di crescere ha valore, ha valore il dolore, le paure, la noia, la disperazione.

Accanto alla stanza delle parole, un’altra stanza, un laboratorio, sarà il luogo dove si passa “dal dire al fare”. È un momento di grande delicatezza quando l’anoressica abbandona il proprio digiuno ascetico, o quando i ragazzi che avevano maltrattato il corpo per mesi o anni fino quasi ad ammazzarlo perché non era sufficientemente gradevole da poter far parte del proprio sé decidono di deporre le “armi”, oppure quando i ritirati sociali iniziano a lasciare l’eremitaggio domestico della loro cameretta e di ricomparire da dietro al computer dove si erano rifugiati. Quando questo momento si verifica ci vuole qualcuno di competente, figure educative che hanno capito bene quello che sta accadendo, che creino dei momenti in cui la socializzazione può ripartire.

Con la sensibilità dovuta bisognerà creare dei piccoli gruppi di incontro in cui si fa qualcosa assieme, dove si rimette in gioco il corpo e si tollera il contatto con lo sguardo dell’altro fuori dalla realtà virtuale. E’ il momento di allestire dei piccoli atelier di teatro, danza, pittura, scrittura creativa, dove il sé possa esprimersi e mettersi nuovamente alla prova. “La città di Smeraldo”, come già nel libro da cui l’associazione trae il nome, vuole essere il luogo concreto dove si riprende a crescere, dove si rielaborano le esperienze che permettono una presa di coscienza piena di sé, dove si riorganizza la speranza nel futuro di ragazzi che proprio questo percorso di crescita e di realizzazione di sé  avevano interrotto.

La Città di Smeraldo è un’organizzazione non lucrativa di utilità sociale.

Indirizzo: via Petrarca, 1 angolo via Piave, 21047 Saronno (VA)

Posta certificata: posta@pec.lacittadismeraldo.it

Codice fiscale: 94029730127

Sostienici attraverso 5 per MILLE, donazioni, diventando socio, oppure con le nostre cartoline di Natale.