Archivio articoli

“Figli delle app”, nativi digitali.

Figli delle app, il bel libro di Francesco Pira, ci aiuta a comprendere la vita social ed al tempo stesso la solitudine dei cosiddetti nativi digitali, facendo luce sulle trasformazioni che la rivoluzione tecnologica sta apportando nei modelli comunicativi e comportamentali dell’odierna generazione di preadolescenti e adolescenti.

Vai all'articolo

Adolescenti e genitori al tempo della quarantena

Uno psicoterapeuta, che lavora con la nostra associazione, racconta il suo dialogo “da remoto” con gli adolescenti durante l’emergenza Covid 19. È una testimonianza tratta dalle esperienze dei ragazzi nel periodo della quarantena e ci parla dei loro rapporti con i genitori e gli altri membri della famiglia all’interno di una convivenza forzata e spesso difficile, del loro modo di vivere la lontananza dai coetanei, la didattica a distanza, delle paure legate al ritorno ad una situazione di maggiore normalità.

Vai all'articolo

Cosa serve ai nostri ragazzi?

Un invito alla lettura. Il nuovo libro di Matteo Lancini presenta una serie di considerazioni e riflessioni utilissime per comprendere il funzionamento psichico, i pensieri, i problemi degli adolescenti del nostro tempo.

Vai all'articolo

Il ritiro Sociale

Hikikomori è il termine coniato in Giappone per definire un fenomeno emerso negli anni Settanta in quel paese prima che in altri e significa “stare in disparte, isolarsi”. Un sondaggio del 2016 del governo giapponese riporta un numero di hikikomori pari a 541.000 persone, di età tra i 15 e i 39 anni, ma il dato sembra largamente sottostimato. In Italia per indicare il medesimo fenomeno è più in uso il termine “ritiro sociale”: una forma di isolamento sociale diventata patologica che nel nostro paese coinvolge circa 120.000 adolescenti.

Vai all'articolo

Due fiocchi di neve uguali

Il desiderio di raccontare una storia, a cui il mondo sembra non prestare ancora la dovuta attenzione, si è realizzato nel libro di Laura Calosso: “Due fiocchi di neve uguali”, edito da SEM, gennaio 2019. I due protagonisti sono quelli che, comunemente, potrebbero essere definiti dei bravi ragazzi: Margherita e Carlo. Come tutti gli adolescenti hanno un loro mondo che spesso non trova riscontro in quello reale.

Vai all'articolo

Mai abbastanza popolari e belli

L’adolescenza è sempre stata un’età della vita in cui la spinta alla crescita è promossa in modo spontaneo e generata da processi che naturalmente si mettono in atto. Questa spinta trova poi nel contesto sociale e culturale in cui si cresce elementi favorevoli allo sviluppo o, in altri momenti e per altri aspetti, condizioni che non implementano o addirittura impediscono i passaggi obbligati di una crescita che apra all’età giovanile e adulta.

Vai all'articolo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

I più recenti: